Translate in your language

sabato 12 agosto 2017

Dacci oggi il nostro pane quotidiano… senza glutine

     La più conosciuta delle preghiere cristiane, il Padre Nostro, ha un verso che recita «Dacci oggi il nostro pane quotidiano». Tra i fedeli vi sono anche i celiaci e quando loro pensano al pane, nel loro cervello si scatenano delle sinapsi complesse. Gli impulsi cerebrali di un celiaco di fronte allo stimolo pane sfiorano per prima la landa dell’apprensione, poi fanno rotta verso la serenità della soluzione che la scienza ha trovato per loro, ma finiscono col ritrovarsi nella tempesta della paura della contaminazione da glutine.
Silvana Calabrese celiachia gluten free Blog
     Chi è affetto da malattia celiaca a tavola si sente solo e a messa non si sente un cristiano completo. Quando un celiaco recita il Padre Nostro, aggiunge con la mente le paroline «senza glutine» a quel particolare verso.
     Quando si è ospiti a casa di amici o parenti si è consapevoli che nessuno potrà capirli fino in fondo. Le distrazioni si accumulano, l’ignoranza aggrava la situazione che precipita quando la noncuranza porta ad esclamare «Che male può farti una briciola di glutine!».
     Ma è in Chiesa che ci si vorrebbe sentire accolti dalla misericordia della quale si sente tanto parlare. Quando è il momento della comunione tutti si alzano per andare a ricevere l’ostia consacrata mentre il celiaco rimane seduto a chiedersi perché sia così diverso dagli altri. Poi, da buon cristiano, riflette sul fatto che ciascuno ha i suoi problemi e che Dio non ci affida croci più pesanti di quelle che possiamo portare.
     Le norme stabilite dalla Congregazione per la Dottrina della Fede prevedono che la materia prima impiegata nelle ostie sia l’amido di frumento (lettera circolare del 19.06.1995 ai Presidenti delle Conferenze Episcopali), riso o mais non sono consentiti. Nel 2002 è stato ammesso un tipo di ostia a basso contenuto di glutine (ma comunque a base di glutine).
     Una soluzione sarebbe quella di procurare delle ostie prive di glutine e concordare con il parroco di farle consacrare e assumerle… comunque separatamente e dalle mani di un prete che ha somministrato a tante persone un sacramento contenente glutine. Tuttavia alcuni parroci ancora negano questo accordo. Il corpo di Cristo non può congiungersi con i soggetti celiaci? E i sacerdoti celiaci? Non esistono sacerdoti celiaci. Chi è affetto da celiachia non può prendere i voti. 
     Non ci resta che pregare affinché lo spirito santo illumini i membri del clero e permetta ai fedeli la completa comunione con Cristo senza alcuna esclusione. Altrimenti le omelie di cosa parlano? 

Della sezione "Celiachia" fanno parte anche: 
Gli aspetti psicologici della celiachia (Scuola Santomauro) .

Nessun commento:

Posta un commento