Translate in your language

mercoledì 14 settembre 2016

Il calcio femminile non imiti il calcio maschile

La battuta di Belloli ci porta indietro di un paio di secoli
Ricordate l’infelice battuta del Ministro dell’Economia e delle Finanze Tommaso Padoa-Schioppa sui bamboccioni? Era il 2007 e fece un gran clamore mediatico che lese la sensibilità oltre che la dignità di una fascia generazionale dai 18 ai 34 anni. L’Italia è fatta di remake e nuovi adattamenti. Oggi tocca al Belloli sollevare cenere e lapilli. Felice Belloli in qualità di presidente della Lega Nazionale Dilettanti scarica una saetta contro il calcio femminile, apostrofandolo come il calcio delle «quattro lesbiche». Ed è subito polemica aspra. L’espressione lessicale poco colta investe l’intera società facendola retrocedere di un paio di secoli. Dal progresso al regresso in un nanosecondo. È una sferzata allo sport inteso come precursore di buona salute. È un richiamo alla discriminazione sessuale che vede il calcio appannaggio esclusivo degli uomini. Le origini delle pratiche sportive si perdono nella notte dei tempi. Erano una prerogativa maschile e di chi aveva il dono di una buona costituzione. Col tempo le cose sono cambiate e l’attività fisica ha accolto persone gracili, donne, bambini e disabili perché essa ha il pregio di rinvigorire il corpo e lo spirito.
Silvana Calabrese Blog La scorribanda legale Calcio in rosa
Analizzando il contemporaneo è innegabile l’affetto profondo che ci lega esclusivamente al calcio maschile i cui campionati ci radunano in poltrona o negli stadi. Per godere di maggiore rispetto il calcio in rosa dovrebbe imporsi e proporsi in maniera diversa. Alla società italiana non serve un doppione calcistico. Le squadre di calcio femminile devono mostrare a un’intera nazione il loro carattere di unicità divenendo un esempio di civiltà. In campo non si sputa e le risse con le giocatrici avversarie o con l’arbitro vanno evitate, lo fanno già gli uomini! Pierre de Coubertin (1863-1937), pedagogista, storico francese e fondatore dei moderni giochi olimpici pronunciò una massima «L’importante non è vincere ma partecipare». Intendeva dire che è fondamentale impegnarsi a fondo e disputare un buon incontro, ma con l’obiettivo di divertirsi e non con l’impulso di annientare l’avversario. Vincere è indubbiamente gratificante, ma non rappresenta lo scopo. È richiesta moderazione e umiltà nelle esaltazioni così come nelle sconfitte.
Il calcio femminile non è come lo si vuole fare apparire nelle pagine di cronaca sportiva, in cui si dimostra maturità nella sconfitta e sobrietà nella vittoria. Educazione, rispetto per il prossimo, diplomazia, sana aggregazione, accettazione serena della sconfitta o della retrocessione sono i cardini sui quali edificare il calcio in rosa affinché si sviluppi in parallelo rispetto a quello maschile, ma senza imitarlo. 
Da “La Gazzetta del Mezzogiorno”, 3 giugno 2015, p. 24.

L'articolo fa parte dell'irrinunciabile sezione "Calcio", potrebbe interessarti anche:
- La nazionale, specchio di una nazione viziata ;

Nessun commento:

Posta un commento